25 aprile, città piena e negozi chiusi Scoppia la protesta dei commercianti

CHI PROTESTA: commercianti di La Spezia
CONTRO CHI:  Comune di La Spezia
PER QUALE MOTIVO:  impone la chiusura degli esercizi commerciali in una giornata di turismo

(fonte: La Nazione – La Spezia)

25 aprile, giorno di polemiche. Aprire o meno i negozi? I commercianti sono in rivolta a causa della chiusura obbligatoria delle attività decisa dall’amministrazione comunale. “E’ un momento delicato per il commercio – affermano – ognuno dovrebbe avere la possibilità di decidere”

Venti di polemica e di rivolta nelle strade dello shopping. I commercianti mettono sotto accusa la chiusura obbligatoria delle attività decisa dall’amministrazione comunale per la giornata di domani, il 25 aprile. E’ il frutto di un recente accordo con altre giunte e con sindacati e associazioni di categoria. Una mazzata per i negozianti, alle prese con la crisi dei consumi, dover rinunciare agli incassi del sabato, oltretutto dopo una stagione meteo bizzarra e quindi di scarse vendite. Gli esercenti chiedono al sindaco di rivedere il provvedimento all’ultima ora: “Lasciateci lavorare con la libera scelta sulle aperture”. Tanto più che “l’intesa formalmente non ha ancora una firma e il Comune deve rispolverare un’ordinanza del 2007”.

Tenere chiuso una giornata come sabato è sbagliato. La giornata si può onorare anche lavorando. Per noi rappresenta un’opportunità perché ci saranno tanti turisti e quindi la possibilità di attrarre capitali che normalmente in settimana non abbiamo”.

Su tutte le furie Maria Rosaria Galileo (Carpisa, via del Prione): “Non mi sembra giusto chiederci di restare aperti domenica 26, giorno di partenze dei turisti, e chiuso sabato 25 aprile, quando la città è piena di visitatori e gli alberghi tutti esauriti. Il sindaco deve pensarci bene e autorizzare l’apertura facoltativa”. Rincara la dose: “Sabato 25 aprile, tutti i negozi della nostra catena in Liguria resteranno aperti. Botteghe aperte anche in Versilia. Spezia è l’eccezione. Il nostro negozio è fra quelli che hanno sempre aperto di domenica. Ma il 26 per protesta tireremo giù le saracinesche”.

Massimo Nolasco, titolare di una tabaccheria in corso Cavour domani sarà dietro al banco. Ma anche lui è dalla parte della protesta: “Si fanno provvedimenti in contraddizione. Noi abbiamo la possibilità di tenere aperto, altre categorie merceologiche no. Siamo all’assurdo”. “E’ un momento economico piuttosto delicato per il commercio – afferma invece Luigi Reboli di Città di Bologna -. Queste chiusure non fanno certo bene. I negozianti hanno più possibilità di fare incasso il sabato rispetto alla domenica”. Non è sulla stessa lunghezza d’onda Mario Vaccarone, negoziante da 50 anni in via Prione: “Nelle giornate festive la gente non è disposta a spendere. La chiusura obbligatoria non porterà un danno eccessivo agli incassi dei commercianti”. Doriano Vergassola del bar Centrale di corso Cavour sottolinea: “Non vedo alternative al commercio. Spezia non appartiene al Nord-est. Per quanto mi riguarda posso rimanere aperto, spero sia così per tutti”.

Personalmente sono daccordo con i commercianti. Non vedo perchè non possano stare aperti quando credono. Non credo perdipiù che possano essere obbligati a chiudere.

Tenere aperta un’attività commerciale, guadagnarci anche, è molto difficle. Si lavora sul filo del rasoio. I costi fissi sono sempre li, non chiudono mai. E una giornata di chiusura obbligatoria invece riduce drasticamente i ricavi e può mandare in rosso un mese intero.

About admin-Salvatore

Divido la mia vita in blog, dove informo i miei lettori e vengo informato dai miei lettori. Scrivo ciò che conosco, leggo quel che voglio conoscere. Leggi tutti i miei argomenti su blogsdaseguire.it.

One thought on “25 aprile, città piena e negozi chiusi Scoppia la protesta dei commercianti

  1. admin Post author

    La storia si ripete.
    I commercianti di San Pietro in Vincoli il 1° Maggio sono stati costretti alla chiusura, proprio il giorno della mostra nazionale dei bovini romagnoli. La mostra richiama un gran numero di persone che hanno però trovato i negozi chiusi. I commercianti hanno affisso un manifesto alle loro vetrine per scusarsi e rimarcare che loro avrebbero voluto restare aperti.
    (fonte: http://ilrestodelcarlino.ilsole24ore.com/ravenna/2009/05/03/171613-protesta_commercianti_costretti_chiudere_maggio.shtml)

Partecipa alla protesta. Qual è la tua esperienza ?