About admin-Salvatore

Divido la mia vita in blog, dove informo i miei lettori e vengo informato dai miei lettori. Scrivo ciò che conosco, leggo quel che voglio conoscere. Leggi tutti i miei argomenti su blogsdaseguire.it.

11 thoughts on “Moto e motorini troppo rumorosi

  1. marco damato

    lei ha perfettamente ragione. la legge in materia non sarebbe latitante ma purtroppo non è facile controllare.saluti

  2. Andrea

    no!!!
    anchio sono allibito dal fatto che circolino indisturbate moto che quando ti passano a fianco ti spaccano i timpani e le forze dell’ordine se ne infischiano e la gente anche se visibilmente infastidita subisca passivamente. NOn solo qualche anziano! chiunque subisce il rumore che è una delle cause principali di stress che ci sono in città.

  3. io

    Come molti io sono afflitto dal proprietario di una Harley Davidson che mi sveglia la mattina alle 5:55 col boato dei suo tubi di scarico. Mi domando chi diavolo li abbia omologati. E’ uno scandalo, ne va della mia salute e di quella di molti altri. Si fa tanto parlare di inquinamento acustico e poi dobbiamo sopportare questi SOPRUSI. Ma possibile che nessuno riesca a far finire questo scempio?

  4. frankie

    Non è un problema solo di anziani. Mia figlia ha cinque anni e quando passano questi motociclisti cerebrolesi esibizionisti con turbe psichiche,(motociclista lo sono stato anch’io, viva le moto silenziose, ci sono voluti cento anni di progresso!) si tappa le orecchie, se guardo la televisione devo alzare il volume all’inverosimile, per non parlare della notte. Non è giusto che per le inutili tare di qualche invasato tutti dobbiamo pagare. Bisognerebbe andare di notte a casa di questi mentre dormono , montargli una batteria in camera e fargli un “solo” degli AC/DC, forse capirebbero. Ho scritto lettere, ma c’è una fastidiosa complicità delle autorità preposte, che mi fanno capire che hanno problemi più gravi da risolvere. Non hanno i fonometri e lasciano correre.Peccato che il marcio di questa società spesso nasce da questi piccoli gesti di inciviltà e insensibilità urbana.

  5. geremia

    Parole sante. Se dei lobotomizzati vogliono far scorreggiare le loro moto vadano in campagna o nel deserto per non dire qualcos’altro e lascino in pace la gente che lavora o studia o riposa. Perchè dobbiamo pagare tutti per le loro tare?

  6. Luca

    Finalmente ho trovato un sito che parla di un problema a cui tengo molto. In Italia l’inquinamento acustico è nettamente sottovalutato, soprattutto quello prodotto da motociclette e ciclomotori modificati. Sono d’accordo con quanto avete scritto.

  7. SIMONA

    E’ incivile e sono incivili i proprietari delle moto… non sopporto chi non rispetta il suo prossimo… ma cosa si può fare? Con chi si può protestare per una soluzione?

  8. BastaMoto

    Io abito lungo una strada “da giro in moto” ed è semplicemente un incubo. Sono esasperato dal frastuono emesso puntualmente e costantemente per tutti i fine settimana da bolidi che dovrebbero circolare solo su pista, da Harley Davidson e compagnia bella.
    Per protestare ho aperto un blog dedicato al problema:
    http://bastamoto.wordpress.com/

  9. luca

    Trovo che sia semplicemente ignobile che un individuo attraversi le strade di una citta’ spaccando i timpani a migliaia di persone. Trovo scandaloso che le forze dell’ordine facciano finta di nulla invece che sequestrare il mezzo, come prescrive la legge. Ed e’ ancora piu’ assurdo pensare che tutti questi motociclisti hanno pagato 1000 o 2000 euro per cambiare lo scarico della loro moto con l’unico obiettivo di far sentire a tutti noi, quanto rumore riescono a fare.
    La soluzione c’e’, ovvero il sequestro dei mezzi con scarico non omologato, come prescrive la legge, e’ di facile applicazione, basta aprire le orecchie e fermare le moto al posto di blocco, ed avrebbe effetti molto rapidi, ovvero il ritorno agli scarichi omologati.
    Se conoscete gruppi , associazioni o qualunque iniziativa volta a ritrovare la normalita vi prego di indirizzarmi…

  10. Andrea

    Io sono disperato… prima vivevo in città al primo piano ed era un mal di testa con queste moto e motorini truccati che producono un chiasso allucinante, non ci si può concentrare in sala a leggere. Ora vivo nella brianza milanese, peggio ancora: zona piena di collinette e quindi curve che esaltano questi giocosi delle due ruote e sembra di vivere in mezzo al circuito di Monza. Queste motorette da cross spara scorregge che fanno un rumore assordante, altri che si credono di essere Valentino Rossi ma non in circuito, bensì sulle strade normali che tirano i motori come pazzi. Ma dico io. Le moto sono mezzi di trasporto nient altro. E` una vergogna che nè carabinieri nè polizia facciano niente. Sarebbe sufficiente appostarsi un giorno in una strada anche secondaria della brianza e chiedere perizia su queste due ruote che circolano liberamente facendo un chiasso allucinante. Forse è scomodo per le nostre forze dell’ordine, è piu’comodo piazzare un autovelox e usarlo come bancomat. Ma dov’è allora l’ordine? Ma io dico, i genitori di questi ragazzetti dalla ruota scorreggiata non possono insegnare il rispetto? Volete correre con quegli affari casinisti? Fatelo in circuito. Non su strade che servono per TRASPORTARE persone e cose e non per fare casino inutile. Ma che bisogno avete di fare rumore e aggredire lo spazio intorno a voi invadendo la libertà (molto piu’discreta) altrui?

  11. Andres

    o preso casa nella brianza milanese, nel comune di Santa Maria Hoè, una bella casa, un bel giardino. Ma un problema che mai avrei considerato in un paese del primo mondo come l’Italia: le moto, moterette, motorini, motoroni che passano sulla statale secondaria, ogni sabato, domenica, ogni pomeriggio durante la settimana durante il quale non piova, subito queste strade si popolano di pseudo mezzi di trasporto che emettono rumorississime flautolenza e che creano probabilmente in chi le guida, il senso di dominio e di onnipotenza in grado di provocare un istintivo piacere senza rendersi conto che nei metri asfaltati che superano, stanno lasciando malessere e fastidio a molte altre persone. Persone come loro.
    Nelle vicinanze ho un amico che ha comprato una piccola baita, isolata. E che ora sta cercando di venderla per via dei continui ragazzetti (e non) che si eccitano percorrendo i sentieri con moto da trial, da cross e quant altro, provocando un chiasso pazzesco, che disturberebbe chiunque.
    Mi fa sorridere chi taglia veloce il problema senza affrontarlo dicendo di occoparsi dei problemi seri. E quali sarebbero? Quelli dell’economia europea che non funziona? O proprio quelli del quotidiano, quelli che una volta risolti potrebbero dare una speranza al rispetto, all’educazione, all’evoluzione.
    Le norme ci sono ma i comuni preferiscono concentrarsi su contravvenzioni piu’immediate e facili da riscontrare (come i limiti di velocità). I quali rendono decisamente molto di piu’ e in meno tempo. Alcuni comuni si rifugiano dietro le presunte difficoltà del controllo, ma è solo nascondersi dietro un ago.
    E quindi, ancora i cittadini discreti e corretti sono soli e sperano, e si affidano all’educazione delle persone. Alla saggezza dei genitori che hanno figli adolescenti. E al fatto che i piu'”adulti” possano rinsavire.
    E intanto, anche noi venderemo casa, sperando di trovare un posto piu’gentile, piu’predisposto al rispetto tra le persone. Che è tutto.

Partecipa alla protesta. Qual è la tua esperienza ?