chiusura punti nascita per risparmiare sui servizi senza migliorarli

CHI PROTESTA: popolazione di Domodossola
CONTRO CHI: ASL e Regione Piemonte
PER QUALE MOTIVO: chiusura punto nascita.

Ci siamo già passati in Toscana ed adesso si ripete la storia in Piemonte. Per ragioni puramente economiche si riducono i servizi sanitari ed un mero conteggio dei nati in un ospedale ne determina se lasciare il punto nascita a servizio della comunità oppure chiuderlo e obbligare le mamme in pieno travaglio a fare almeno 50 km per recarsi ad un punto nascita concentrato .


Mamme in protesta a Domodossola, dove un gruppo di mamme in dolce attesa appoggiate dalla popolazione ha iniziato a manifestare la scorsa settimana contro la chiusura del punto nascite dell’ospedale locale di San Biagio. Il provvedimento è  motivato la decisione con l’aggravarsi della carenza di personale.

Le mamme hanno trascorso la notte in municipio, annunciando una protesta ad oltranza contro il provvedimento che le obbligherebbe a partorire nell’ospedale di Verbania, a circa 50 chilometri di distanza. Con le loro pance le donne incinte testimoniano la viva necessità di mantenere operativo il punto nascite.



GIF outlet  468 x 60

Le donne a turno, divise in gruppi di cinque, si alternano nelle sale municipali e il presidio resta attivo anche durante la notte. Sono decise a proseguire la protesta sin quando non otterranno fattive rassicurazioni circa la sopravvivenza del punto nascite.

In settimana si terrà un incontro tra una delegazione di mamme ed il direttore generale della sanità piemontese, Paolo Monferrino. Ma alle neomamme non basta, anche perché è già stata annunciata per settembre, anche la chiusura del servizio pediatrico dell’Ospedale cittadino.

Le mamme di Domodossola non mollano, anche il sindaco della città è dalla loro parte, che ricorda al presidente Cota, le “promesse fatte in campagna elettorale quando aveva garantito che non ci sarebbero stati tagli”.

La struttura sanitaria di Domodossola assicura alle donne di essere seguite durante la gestazione e di partorire debitamente assistite senza dover affrontare distanze insostenibili specialmente nelle ultime e più critiche ore della gravidanza.

La loro è una battaglia di dignità e per il rispetto dei diritti… a Domodossola deve rimanere il punto nascita  non perchè le mamme siano “pigre” o per interessi di campanile come qualcuno ha insinuato, ma solamente perchè, non si può accettare che in caso di urgenze nelle valli o anche nella stessa Domodossola e paesi limitrofi la vita delle  mamme e dei loro piccoli venga messa in pericolo da una distanza certamente eccessiva con primo ospedale attrezzato.

In Toscana l’attuale governatore Rossi, nel 2004 assessore alla sanità della regione ha fatto chiudere i punti nascita che assistivano meno di 500 parti all’anno, perchè ritenuto che sotto quella soglia fossero economicamente non vantaggiosi.

Ma la giusta assistenza ai cittadini non deve essere fatta guardando il bilancio, ma la necessità e la bontà del servizio reso.

Adesso molte mamme devono fare tra i 50 ed i 75 chilometri per recarsi con le doglie in ospedale, dove viste le difficoltà a servire debitamente le numerosi partorienti di un bacino  di utenza così allargato, spesso vengono rimandate a casa se non è inizito il vero e proprio travaglio, con l’aggravante di dover rifare il percorso magari un paio d’ore dopo od addirittura partorire in auto come capitato diverse volte.

Adesso molte amministrazioni comunali non tollerano più questa situazione e chiedono la riapertura dei vecchi punti nascita per il cui trasferimento sono stati spesi soldi e persa professionalità.



bimbo_kit_1_300x250.jpg

About admin-Salvatore

Divido la mia vita in blog, dove informo i miei lettori e vengo informato dai miei lettori. Scrivo ciò che conosco, leggo quel che voglio conoscere. Leggi tutti i miei argomenti su blogsdaseguire.it.

One thought on “chiusura punti nascita per risparmiare sui servizi senza migliorarli

  1. Azad

    Buon giorno io non sono una mamma sono una raga di 22 anni che ama i bmbaini con tutta se stessa, bhe io avrei un’idea ma per ora da sola non posso proprio realizzarla ma vorrei sapere cosa ne pensate visto che non ne ho mai parlato con nessuno e visto che ormai quasi tutte la mia amiche sono mamme, cmq l’idea e questa io ho immaginato un posto dove tutte la mamme che non lavorano e che lavorano con i loro bmbaini possano incotrarsi passare le giornate giocare con i figli senza il pensiero di dover pulire o la paura che rompano qualcosa e nel frattempo visto che ho seguito un corso come asa avvicinare i bmbaini sin da piccoli ad altre realta come gli orfani o quando sono un po piu grandi i diversamente abili in modo che possano maturare dentro la cosapevolezza che non sono diversi o pericolosi sono solo bmbaini o ragazzi a cui piace ridere e giocare come loro in modo da non essere piu discriminati solo perche8 hanno un problema grave o no solo perche8 la nostra societa, i ragazzi della mia eta e molte persone grandi li evitano, li picchiano,li trattano come lebbrosi e non e giusto io li ho conosciuti difesi e credetemi sono tutti speciali oserei dire che hanno un’iteliggenza fuori dal comune i ragazzi con cui ho passato molto tempo in un’istituto che accoglie i diversamente abili li ho visti mentre con cura e amore curano dei gattini che non avevano la mamma, li ho ascoltati mentre mi parlavano del mondo e di come lo vedevano loro con i loro occhi questa esperienza mi ha cambiato la vita e me la fatta amare di piu perche non e vero che sono pericolosi o scemi come ho sentito dire hanno solo bisogno di comprensione di affetto di sorrisi veri di sorrisi che vengono fatti per pena o conpassione ma solo perche sono ragazzi o bmbaini che spesso non hanno piu la mamma perche la loro mamma e come la gente di cui vi parlavo prima e li ha chiusi in questi istituti dimenticandosi che esistono, e allora mi sono chiesta io se aspettassi un figlio lo abbandonerei solo perche ritenuto diverso????? bhe vi dico NO e lo dico perche io amo i bmbaini e appunto per l’amore che provo per queste vite speciali che dio a creato non voglio e non posso pensare che siano diversi sono solo speciali ognuno a modo loro e meritano lo stesso amore che daremo a nostro figlio o a nostro fratello meritano rispetto lo stesso rispetto che vogliamo noi meritano di essere trattati come esseri viventi, e la stessa vale per i bmbaini orfani che vengono sballottati da una famiglia all’altra solo perche magari sono irrequiti ma dico quanti bmbaini lo sono io da bambina ho quasi distrutto la mia casa non per questo mia madre mi ha dato via o affidato a un’altra famiglia per queste domande non se le fa nessuno perche le istituzioni quando si presenta un progetto come questo non lo finanzia e ci poco che ti prendano per pazza io vorrei solo cominciare a migliore questo mondo che si sta logorando dietro il denaro dimenticando i valori.Grazie per l’opportunita di scrivere tutte questo un bacio e auguroni per le gia mamma o lo future mamma o chi come LA SOLITA MAMMA ha gia dei figli i ne aspetta un’altro dio vi sta facendo un immenso dono.FIRMATOCHIARA

Partecipa alla protesta. Qual è la tua esperienza ?