Rischio qualcosa per Chiprotesta ? nel caso chiudo il sito !

Chiprotesta è un sito amatoriale. Non costituisce testata giornalistica o editoriale ma è un semplice blog personale.

Eppure allo stesso tempo non è un blog come gli altri, ma unico nel suo genere in Italia per il contenuto dei suoi articoli.

Sui blog solitamente vengono pubblicate le opinioni personali dell’autore. Su chiprotesta.it  invece vengono pubblicate le opinioni degli altri ed in realtà si tratta spesso di accuse, di segnalazioni di raggiri, malfunzionamenti, critiche e recensioni negative.

E’ una bella responsabilità dove il confine tra diffamazione e libertà di parola e di informazione è labile. La giurisprudenza per quanto ho letto non è stabile, definitiva, categorica ma può lasciare spazio alle interpretazioni.

Se anche ho molto affetto per questo sito e lo consideri anche di una certa valenza sociale, non ho proprio voglia di rischiare la mia tranquillità per tenerlo in vita.

Se anche presto attenzione alla pubblicazione dei testi, non che siano arrivate, ma comunque non pubblicherei offese gratuite o storie senza fondamento, non sono comunque tranquillo. Gli articoli possono comunque stuzzicare la suscettibilità di chi viene criticato ed il fatto di aver ragione e di non commettere reati non impedisce che comunque qualcuno provi ad aprire quesiti legali nei miei confronti anche senza fondamento.

Quel che mi preoccupa di più è che in fondo sono io a pubblicare i testi, anche se inviati da altri, di cui non ho la minima possibilità di verificare i dati anagrafici e la veridicità di quanto affermano, mentre io sono facilmente identificabile come proprietario del sito.

Quindi a chiunque si senta in grado di fornirmela chiedo una valutazione dei rischi sulla pubblicazione delle proteste su questo blog.

In ogni caso, se anche non arriverò alla cancellazione del blog, probabilmente provvederò ad una sua profonda trasformazione, abbandonando la segnalazione dei lettori e magari concentrandomi sulle segnalazioni degli scioperi e delle proteste ufficiali, passando dalla pubblicazione di opinioni ai più sicuri fatti di cronaca.

About admin-Salvatore

Divido la mia vita in blog, dove informo i miei lettori e vengo informato dai miei lettori. Scrivo ciò che conosco, leggo quel che voglio conoscere. Leggi tutti i miei argomenti su blogsdaseguire.it.

6 thoughts on “Rischio qualcosa per Chiprotesta ? nel caso chiudo il sito !

  1. marco damato

    caro salvatore non chiudere il sito! è socialmente utile. magari se hai bisogno di aiuto chiedilo pure ai tuoi amici che lo utilizzano.sarebbe il meno per sdebitarsi. marco

  2. Jennifer

    Ciao Salvatore!
    scusa la domanda diretta.. ma solo adesso ti sei reso conto o meglio ti preoccupi delle “questioni legali” del tuo sito e per stare tranquillo? io ho sempre cercato un sito come questo dove si potesse – in maniera garbata – esprimere le proprie opinioni o disapprovazioni. Mi meraviglia un po questa tua improvvisa preoccupazione.. nel senso che prima di rendere pubblico un blog o un sito la prima cosa da fare son anche le questioni legali.

  3. admin-Salvatore Post author

    Ho altri blog, sulla Renault Clio o sull’abolizione dell’imposta di bollo dove critico apertamente alcuni aspetti dell’auto o dove addirittura protesto contro una legge, ma per quanto riguarda quei blog sono assolutamente tranquillo perchè scrivo in prima persona e so cosa scrivo .
    Per i commenti degli utenti basta una buona moderazione.

    Qua è diverso perchè perdo un po’ il controllo della situazione, trascrivendo le situazioni di altri su argomenti che magari non conosco .

    Quando ho avviato Chiprotesta mi sono domandato se potessi averne noie e mi sono risposto che bastava buon senso e moderazione dei commenti (che veramente non è stata neanche tanto necessaria) per non scrivere cose offensive, diffamatorie ecc.

    Adesso però mi preoccupo perchè ho realizzato che se è anche vero che quanto scritto qua si può scrivere e diffondere tranquillamente (ma gradirei un’opinione legale), ciò non toglie che pur avendo ragione si possa venire chiamati in giudizio da qualcuno che si ritiene offeso. Giudizio che vincerei ma che porterebbe via tempo e denaro.

    Ho pubblicato delle proteste assolutamente innocue tipo sulla signora che non pulisce i bisogni del suo cane, ma altre che criticano aspramente alcune grandi ditte.
    Per la maggior parte le ditte anche se invitate non rispondono. Altre tipo Fastweb che partecipano e anzi cercano di aiutare i clienti.
    Ma se invece qualcuna ritenesse lesi i suoi interessi economici ?

    Sono orientato a pubblicare solo proteste innocue (e noiose) e riportare fatti di cronaca ripresi dai media tradizionali, scioperi ed azioni di protesta clamorose (operai sui tetti) che renderebbero questo blog uno dei tanti, ma che mi lascerebbero più tranquillo.

Partecipa alla protesta. Qual è la tua esperienza ?